• Corte Costituzionale – Laureati in Giurisprudenza

Programma di Stage Corte Costituzionale – Università PROCEDURA RIATTIVATA

Pubblicato inizialmente il 06/04/2020, poi iter bloccato dalla Corte in data 6 maggio 2020, con sospensione dei termini a data da destinarsi.

Procedura riattivata con nota della Corte del 24 giugno 2020.

Bando ripubblicato in data 01/07/2020 (modificate date di inizio e fine periodo di stage)

Tipo di Laurea: Giurisprudenza (con iscrizione ad un corso post-laurea all’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”

Termine per la presentazione delle candidature: 21 luglio 2020

Modalità di presentazione delle candidature:

Invio dei documenti (domanda, elenco esami, curriculum e certificati specificati di seguito nel bando) in un unico file pdf a: cv@placement.uniroma2.it (oggetto: stage corte costituzionale 2020)

CHI HA GIÀ PRESENTATO LA DOMANDA AD APRILE NON DEVE PRESENTARLA NUOVAMENTE

:: Modello di domanda in .pdf

_________________

La Corte costituzionale intende offrire a sei laureati di vecchio e nuovo ordinamento, iscritti ad un percorso di studi post lauream all’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, la possibilità di effettuare un periodo di formazione denominato “Programma di stage Corte costituzionale – Università” presso gli Uffici dei Giudici costituzionali e/o presso il Servizio Studi della Corte.

Il programma – che si articola in un’unica sessione dal 1° dicembre 2020 al 31 luglio 2021 – ha come obiettivo l’approfondimento delle tematiche proprie del diritto costituzionale e della giustizia costituzionale e l’acquisizione di una conoscenza diretta e concreta dell’attività della Corte.

In relazione ad esigenze organizzative, connesse alla procedura di selezione, l’inizio dello stage potrebbe essere posticipato di massimo un mese, fermo restando il termine conclusivo del 31 luglio 2021.

Lo stage non può in alcun modo e a nessun effetto configurarsi come rapporto di lavoro né può dar luogo ad aspettative di futuri rapporti lavorativi.

Agli stagisti, non residenti nel comune di Roma, è corrisposto un rimborso spese di viaggio e di alloggio, nel limite massimo di € 300,00 mensili, previa esibizione dei relativi titoli.

Le modalità di effettuazione dello stage dovranno essere concordate con l’Amministrazione della Corte in modo tale da assicurarne il proficuo svolgimento.

Sono consentite, per giustificati motivi, una o più interruzioni temporanee dello stage, previo accordo tra il partecipante e la Corte costituzionale con il consenso del tutore universitario, ferma restando la data di scadenza indicata nel progetto formativo individuale.

Per gravi e giustificati motivi, la Corte costituzionale può interrompere anticipatamente il programma dandone tempestiva comunicazione scritta al partecipante e all’Università o all’Istituzione interessata. In particolare, può essere causa dell’interruzione anticipata la mancata osservanza, da parte dell’interessato, delle modalità di effettuazione dello stage: in tale caso, non potrà essere rilasciato l’attestato finale.

È consentita, inoltre, l’interruzione anticipata definitiva dello stage per giustificati motivi, d’iniziativa del partecipante. Dell’interruzione anticipata sarà data, da parte della Corte costituzionale, tempestiva comunicazione scritta all’Università o all’Istituzione interessata.

Possono partecipare al programma i candidati in possesso dei seguenti requisiti:

  1. conseguimento del diploma di laurea in giurisprudenza, o altre lauree equipollenti, con votazione minima di 105/110;
  2. adeguata conoscenza di lingue straniere nell’ambito delle principali aree europee;
  3. attuale iscrizione ad un dottorato di ricerca, ad una scuola di specializzazione, ad un master, ovvero l’essere beneficiario di una borsa di studio o di un assegno di ricerca;
  4. età massima 30 anni.

In ogni caso, tutti i candidati dovranno indicare nella domanda di partecipazione i titoli professionali e scientifici posseduti, con particolare riguardo a quelli concernenti le tematiche proprie del diritto costituzionale e della giustizia costituzionale.

L’ammissione al programma è estesa agli studiosi che hanno un rapporto di studio con l’Istituto Universitario Europeo.

Non possono partecipare al programma i laureati in possesso di lauree così dette “brevi” ovvero triennali.

Non possono partecipare al programma coloro che hanno già svolto uno stage presso la Corte costituzionale.

L’informazione ai possibili candidati sul presente programma formativo è rimessa all’iniziativa dell’Università o dell’Istituzione interessata.

I candidati in possesso dei requisiti richiesti dal bando dovranno inviare in un unico file .pdfcv@placement.uniroma2.it (oggetto: stage corte costituzionale 2020), la domanda completa di:

  1. modulo di domanda debitamente compilato e sottoscritto, contenente il curriculum del candidato;
  2. elenco degli esami con la votazione dei singoli esami sostenuti e con la votazione finale di laurea conseguita;
  3. dichiarazioni sostitutive attestanti i titoli professionali e scientifici posseduti, con particolare riguardo a quelli concernenti le tematiche proprie del diritto costituzionale e della giustizia costituzionale;

Una volta recepite le candidature, ciascuna Università o Istituzione procede ad una prima preselezione – sulla base dei requisiti richiesti dal presente bando – di non più di cinque candidati da trasmettere all’Amministrazione della Corte costituzionale.

La Corte costituzionale procederà, successivamente, alla valutazione dei titoli dei candidati che hanno superato la preselezione al fine dell’approvazione della graduatoria finale.

I nominativi dei sei candidati utilmente collocatisi in graduatoria verranno comunicati alle Università o istituti di appartenenza in modo da dar corso agli adempimenti connessi all’attivazione dello stage (stipula della convenzione e sottoscrizione del progetto formativo).

Nell’ipotesi di sopravvenuta mancanza di interesse da parte di uno i più dei candidati suddetti, si procederà con lo scorrimento della graduatoria.

Prima dell’inizio dello stage:

L’Università o l’Istituzione procederà a:

  1. stipulare una convenzione con l’Amministrazione della Corte costituzionale;
  2. nominare un tutor amministrativo;
  3. redigere un progetto formativo per ciascun candidato risultato vincitore (attivando le polizze assicurative INAIL e per la responsabilità civile).

La Corte costituzionale procederà a:

  1. stipulare una convenzione con l’Università o l’Istituzione;
  2. nominare un tutor;

Il partecipante deve impegnarsi a:

  1. svolgere con scrupolo l’attività prevista per il progetto formativo;
  2. rispettare le norme in materia di igiene, sicurezza e salute sui luoghi di lavoro;
  3. mantenere la prescritta riservatezza per quanto attiene ai dati, informazioni o conoscenze acquisite;
  4. attenersi alle norme di comportamento in vigore presso la Corte costituzionale.

• Corte Costituzionale – Laureati in Giurisprudenza

Programma di Stage Corte Costituzionale – Università

Pubblicato il 13/05/2019

Tipo di Laurea: Giurisprudenza

Termine per la presentazione delle candidature: 3 giugno 2019

Modalità di presentazione delle candidature:

Invio dei documenti (domanda, curriculum e certificati specificati di seguito nel bando) in un unico file pdf a: cv@placement.uniroma2.it (oggetto: stage corte costituzionale)

:: Modello di domanda in .docx

_________________

La Corte costituzionale intende offrire a quattro laureati di vecchio e nuovo ordinamento, iscritti ad un percorso di studi post lauream, la possibilità di effettuare un periodo di formazione denominato “Programma di stage Corte costituzionale – Università” presso gli Uffici dei Giudici costituzionali e/o presso il Servizio Studi della Corte.

Il programma – che si articola in un’unica sessione dal 1° ottobre 2019 al 30 giugno 2020 – ha come obiettivo l’approfondimento delle tematiche proprie del diritto costituzionale e della giustizia costituzionale e l’acquisizione di una conoscenza diretta e concreta dell’attività della Corte.

In relazione ad esigenze organizzative, connesse alla procedura di selezione, l’inizio dello stage potrebbe essere posticipato di massimo un mese, fermo restando il termine conclusivo del 30 giugno 2020.

Lo stage non può in alcun modo e a nessun effetto configurarsi come rapporto di lavoro né può dar luogo ad aspettative di futuri rapporti lavorativi.

Agli stagisti, non residenti nel comune di Roma, è corrisposto un rimborso spese di viaggio e di alloggio, nel limite massimo di € 300,00 mensili, previa esibizione dei relativi titoli.

Le modalità di effettuazione dello stage dovranno essere concordate con l’Amministrazione della Corte in modo tale da assicurarne il proficuo svolgimento.

Sono consentite, per giustificati motivi, una o più interruzioni temporanee dello stage, previo accordo tra il partecipante e la Corte costituzionale con il consenso del tutore universitario, ferma restando la data di scadenza indicata nel progetto formativo individuale.

Per gravi e giustificati motivi, la Corte costituzionale può interrompere anticipatamente il programma dandone tempestiva comunicazione scritta al partecipante e all’Università o all’Istituzione interessata. In particolare, può essere causa dell’interruzione anticipata la mancata osservanza, da parte dell’interessato, delle modalità di effettuazione dello stage: in tale caso, non potrà essere rilasciato l’attestato finale.

È consentita, inoltre, l’interruzione anticipata definitiva dello stage per giustificati motivi, d’iniziativa del partecipante. Dell’interruzione anticipata sarà data, da parte della Corte costituzionale, tempestiva comunicazione scritta all’Università o all’Istituzione interessata.

Possono partecipare al programma i candidati in possesso dei seguenti requisiti:

  1. conseguimento del diploma di laurea in Giurisprudenza, o altre lauree equipollenti, con votazione minima di 105/110;
  2. adeguata conoscenza di lingue straniere nell’ambito delle principali aree europee;
  3. attuale iscrizione ad un dottorato di ricerca, ad una scuola di specializzazione, ad un master, ovvero l’essere beneficiario di una borsa di studio o di un assegno di ricerca;
  4. Età massima 30 anni.

In ogni caso, tutti i candidati dovranno indicare nella domanda di partecipazione i titoli professionali e scientifici posseduti, con particolare riguardo a quelli concernenti le tematiche proprie del diritto costituzionale e della giustizia costituzionale.

L’ammissione al programma è estesa agli studiosi che hanno un rapporto di studio con l’Istituto Universitario Europeo.

Non possono partecipare al programma i laureati in possesso di lauree così dette “brevi” ovvero triennali.

Non possono partecipare al programma coloro che hanno già svolto uno stage presso la Corte costituzionale.

L’informazione ai possibili candidati sul presente programma formativo è rimesso all’iniziativa dell’Università o dell’Istituzione interessata.

I candidati in possesso dei requisiti richiesti dal bando potranno inviare in un unico file .pdfcv@placement.uniroma2.it (oggetto: stage corte costituzionale) la loro candidatura, completa di:

  1. modulo di domanda debitamente compilato e sottoscritto, contenente il curriculum del candidato;
  2. elenco degli esami con la votazione dei singoli esami sostenuti e con la votazione finale di laurea conseguita;
  3. dichiarazioni sostitutive attestanti i titoli professionali e scientifici posseduti, con particolare riguardo a quelli concernenti le tematiche proprie del diritto costituzionale e della giustizia costituzionale;

Una volta recepite le candidature, ciascuna Università o Istituzione procede ad una prima preselezione – sulla base dei requisiti richiesti dal presente bando – di non più di cinque candidati da trasmettere all’Amministrazione della Corte costituzionale.

La Corte costituzionale procederà, successivamente, alla valutazione dei titoli dei candidati che hanno superato la preselezione al fine dell’approvazione della graduatoria finale.

I nominativi dei quattro candidati utilmente collocatisi in graduatoria verranno comunicati alle Università o istituti di appartenenza in modo da dar corso agli adempimenti connessi all’attivazione dello stage (stipula della convenzione e sottoscrizione del progetto formativo).

Nell’ipotesi di sopravvenuta mancanza di interesse da parte di uno i più dei candidati suddetti, si procederà con lo scorrimento della graduatoria.

Prima dell’inizio dello stage:

  1. L’Università o l’Istituzione procederà a:
  1. stipulare una convenzione con l’Amministrazione della Corte costituzionale;
  2. nominare un tutor amministrativo;
  3. redigere un progetto formativo per ciascun candidato risultato vincitore (attivando le polizze assicurative INAIL e per la responsabilità civile).
  1. La Corte costituzionale procederà a:
  1. stipulare una convenzione con l’Università o l’Istituzione;
  2. nominare un tutor;

Il partecipante deve impegnarsi a:

  1. svolgere con scrupolo l’attività prevista per il progetto formativo;
  2. rispettare le norme in materia di igiene, sicurezza e salute sui luoghi di lavoro;
  3. mantenere la prescritta riservatezza per quanto attiene ai dati, informazioni o conoscenze acquisite;
  4. attenersi alle norme di comportamento in vigore presso la Corte costituzionale.

• Corte Costituzionale – Laureati in Giurisprudenza (Programma di Stage)

Programma di stage Corte Costituzionale – Università

I RISULTATI VERRANNO RESI NOTI ENTRO LA METÀ DI LUGLIO

Pubblicato il 19/04/2017

Tipo di Laurea: Giurisprudenza

_________________

Termine per la presentazione delle candidature: 8 maggio 2017

Modalità di presentazione delle candidature:

Consegna a mano dei documenti (domanda, curriculum e certificati specificati di seguito nel bando) a:

Ufficio Placement Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”
Via Orazio Raimondo 18 – Roma
VII Piano – Rettorato

Dal lunedì al giovedì dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30; il venerdì dalle 9.30 alle 13.00

:: Modello di domanda

_________________

La Corte costituzionale intende offrire a quattro laureati di vecchio e nuovo ordinamento la possibilità di effettuare un periodo di formazione denominato “Programma di stage Corte costituzionale – Università” presso gli Uffici dei Giudici costituzionali e/o presso il Servizio Studi della Corte.

Il programma – che si articola in una sessione della durata di 10 mesi, dal 18 settembre 2017 al 18 luglio 2018 – ha come obiettivo l’acquisizione di una conoscenza diretta e concreta dell’attività della Corte, anche al fine di agevolare le scelte professionali dei laureati che intendano approfondire le tematiche proprie del diritto costituzionale e della giustizia costituzionale.

In relazione ad esigenze organizzative, connesse alla procedura di selezione, l’inizio dello stage potrebbe essere posticipato di massimo un mese, fermo restando il termine conclusivo del 18 luglio 2018.

I partecipanti potranno approfondire la loro personale formazione e, insieme, sperimentare la realtà lavorativa, comprendendo logiche e sistemi di relazioni proprie del mondo del lavoro.

Lo stage non può in alcun modo e a nessun effetto configurarsi come rapporto di lavoro né può dar luogo ad aspettative di futuri rapporti lavorativi.

Agli stagisti non residenti nel comune di Roma, è corrisposto un rimborso spese di viaggio e di alloggio, nel limite massimo di € 300,00 mensili, previa esibizione dei relativi titoli.

Le modalità di effettuazione dello stage dovranno essere concordate con l’Amministrazione della Corte in modo tale da assicurarne il proficuo svolgimento.

Sono consentite, per giustificati motivi, una o più interruzioni temporanee dello stage, previo accordo tra il partecipante e la Corte costituzionale con il consenso del tutore universitario, ferma restando la data di scadenza indicata nel progetto formativo individuale.

Per gravi e giustificati motivi, la Corte costituzionale può interrompere anticipatamente il programma dandone tempestiva comunicazione scritta al partecipante e all’Università o all’Istituzione interessata. In particolare, può essere causa dell’interruzione anticipata la mancata osservanza, da parte dell’interessato, delle modalità di effettuazione dello stage: in tale caso, non potrà essere rilasciato l’attestato finale.

È consentita, inoltre, l’interruzione anticipata definitiva dello stage per giustificati motivi, d’iniziativa del partecipante. Dell’interruzione anticipata sarà data, da parte della Corte costituzionale, tempestiva comunicazione scritta all’Università o all’Istituzione interessata.

Possono partecipare al programma i candidati in possesso dei seguenti requisiti:

  1. conseguimento del diploma di laurea in Giurisprudenza, o altre lauree equipollenti, con votazione minima di 105/110;
  2. adeguata conoscenza di lingue straniere nell’ambito delle principali aree europee;
  3. iscrizione, o possesso del relativo titolo di conseguimento, ad un dottorato di ricerca, ad una scuola di specializzazione o ad un master riguardanti le tematiche sopra richiamate, ovvero l’essere beneficiario di una borsa di studio o possesso di altri titoli equivalenti comunque rilasciati dalle Università.
  4. età massima 30 anni.

In ogni caso, tutti i candidati dovranno indicare nella domanda di partecipazione i titoli professionali e scientifici posseduti, con particolare riguardo a quelli concernenti le tematiche proprie del diritto costituzionale e della giustizia costituzionale.

L’ammissione al programma è estesa agli studiosi che hanno un rapporto di studio con l’Istituto Universitario Europeo.

Non possono partecipare al programma i laureati in possesso di lauree così dette “brevi” ovvero triennali.

Non possono partecipare al programma coloro che hanno già svolto uno stage presso la Corte costituzionale.

L’informazione ai possibili candidati sul presente programma formativo è rimesso all’iniziativa dell’Università o dell’Istituzione interessata.

I candidati in possesso dei requisiti richiesti dal bando dovranno presentare attraverso l’ufficio competente dell’ Università o Istituzione presso la quale hanno conseguito il titolo di studio o che ancora frequentano (master, dottorato di ricerca, scuola di specializzazione) la loro candidatura, completa di:

  1. modulo di domanda debitamente compilato e sottoscritto;
  2. curriculum;
  3. certificato degli esami con la votazione dei singoli esami sostenuti e con la votazione finale di laurea conseguita;
  4. certificati attestanti i titoli professionali e scientifici posseduti, con particolare riguardo a quelli concernenti le tematiche proprie del diritto costituzionale e della giustizia costituzionale;

Una volta recepite le candidature, ciascuna Università o Istituzione procede ad una prima preselezione – sulla base dei requisiti richiesti dal presente bando – di non più di cinque candidati da trasmettere all’Amministrazione della Corte costituzionale.

La Corte costituzionale procederà, successivamente, alla valutazione dei titoli dei candidati che hanno superato la preselezione al fine dell’approvazione della graduatoria finale.

I nominativi dei quattro candidati utilmente collocatisi in graduatoria verranno comunicati alle Università o istituti di appartenenza in modo da dar corso agli adempimenti connessi all’attivazione dello stage (stipula della convenzione e sottoscrizione del progetto formativo).

Nell’ipotesi di sopravvenuta mancanza di interesse da parte di uno i più dei candidati suddetti, si procederà con lo scorrimento della graduatoria.

Prima dell’inizio dello stage:

  1. L’Università o l’Istituzione procederà a:
  1. stipulare una convenzione con l’Amministrazione della Corte costituzionale;
  2. nominare un tutor amministrativo;
  3. redigere un progetto formativo per ciascun candidato risultato vincitore (attivando le polizze assicurative INAIL e per la responsabilità civile).
  1. La Corte costituzionale procederà a:
  1. stipulare una convenzione con l’Università o l’Istituzione;
  2. nominare un tutor;
  1. Il partecipante deve impegnarsi a:
  1. svolgere con scrupolo l’attività prevista per il progetto formativo;
  2. rispettare le norme in materia di igiene, sicurezza e salute sui luoghi di lavoro;
  3. mantenere la prescritta riservatezza per quanto attiene ai dati, informazioni o conoscenze acquisite;
  4. attenersi alle norme di comportamento in vigore presso la Corte costituzionale.